L’ablazione (pulizia del tartaro) del Tartaro, consiste nella  sua rimozione sopra e sotto gengivale. Si esegue ogni sei mesi in pazienti sani, ma puo’ essere necessaria anche ogni 3-4 mesi in pazienti con parodontopatia. 

Durante la seduta, eseguita con ingrandimenti, si provvedera’  ad istruire il paziente con consigli mirati su tecniche e presidi adeguati.

A fine seduta i denti verranno lucidati, non sbiancati: lo sbiancamento è un procedimento chimico che cambia colore allo smalto, la lucidatura è un processo fisico di rimozione delle macchie superficiali. Potra’ essere affiancata la tecnica di lucidatura sotto gengivale e l’ utilizzo di presidi per la rivelazione del Biofilm che colorando intensamente la placca ne permettono una migliore rimozione.
La seduta di igiene permette anche di valutare lo stato di salute odontoiatrica del paziente nella sua globalita’ ( neoformazioni, carie, stato generale dei vecchi restauri). Il nostro studio  e’ dotato di apparecchiatura per ablazione tartaro multifunzione che oltre a consentire l’ eliminazione indolore del tartaro, è dotata di circuito idrico separato con disinfettante per una pulizia piu’ profonda ed accurata.Una ablazione del tartaro correttamente eseguita e a cadenza periodica, consente di rallentare la progressione della malattia parodontale e di intercettare la carie in fase iniziale ( reversibile). La prevenzione permette di mantenere a lungo la salute del sorriso minimizzando i costi. 

L’utilizzo del nuovo sistema AP-h Plus, consente una igiene profonda di denti ed impianti anche in soggetti con ipersensibilità  e tasche profonde senza l’utilizzo di punte ad ultrasuoni ( nell’ambito di cicli periodici di richiamo): una pulizia profonda ma “gentile” mentre l’uso di prodotti brevettati EMS a base di Glicina® per la lucidatura, consente una “lisciosita’” mai ottenuta prima, denti meno ruvidi e piu’ resistenti all’attacco di placca e tartaro, per un sorriso sano e duraturo.

ablazione del tartaro, lucidatura e sbiancamento